Scriveteci

We transcribed the population’s registers starting from year 1669 and we designed a huge genealogical tree of all families, with branches in the whole world.
Would you like to share your experience or simply find your roots? Do not hesitate to contact us. You won’t regret it!

La breve esistenza di questo blog ci ha già portato diverse soddisfazioni nel far relazionare fra di loro "corippians" che abitavano nella medesima città e nemmeno lo sapevano. Abbiamo trascritto i registri della popolazione dal 1669 in poi ed elaborato un gigantesco Albero Genealogico di queste famiglie con ramificazioni in tutto il Mondo.
Desiderate condividere la vostra esperienza o semplicemente trovare le vostre radici? Non esitate a contattarci, non ve ne pentirete.


A protezione della Privacy i dati sensibili
riguardanti persone viventi non sono da inserire in commenti o post.

domenica 3 maggio 2015

Dalla Verzasca alla California




Chissà dopo quanti giorni arrivò a Vogorno la prima lettera che Paolo Scettrini scrisse alla famiglia da oltre oceano?
Paolo, all’epoca non ancora ventenne – è nato nel 1896 -, lascia Vogorno per l’America nell’autunno 1915. Si imbarca a Genova il 25 ottobre sulla nave Stampalia in partenza per New York, dove arriverà il 10 novembre. Viaggia, probabilmente, in compagnia di altri convallerani. Nella sua prima missiva racconta che il viaggio non è stato difficoltoso e che non ha sofferto mal di mare. Dopo lo sbarco si è diretto verso San Francisco in treno, altri sei giorni di viaggio. Qualche giorno dopo, il 19 novembre, scrive da Waldinton (probabilmente Waddington, Humboldt County, a circa 250 km da San Francisco):

“Cari Genitori,
oggi ho trovato il tempo di scrivervi. Il mio viaggio è stato molto bello siamo imbarcati il giorno 25 alle 6 di sera e siamo stati sull’acqua 15 giorni per arrivare a Nev Jor. Sul mare non siamo stati ammalati nemmeno un’ora è stato due giorni in burasca il quale era il nostro divertimento. Quando siamo barcati non abbiamo potuto scrivere, perche siamo partiti subito col treno per San Francisco, ed abbiamo impiegato altri 6 giorni di treno. Quando siamo arrivati a San Francisco abbiamo trovato tanti dei nostri paesani lì all’Otel de Marra. Abbiamo trovato Maggini Ernesto due Marra fratelli del Carlo dar Costa, due da Berzona, Minec, siamo stati a trovare il Moranda Giuseppe che lavora dal Ben Mozzetti. Adesso mi trovo qui dal mio fratello. Quando sarò a posto vi scrivero.
Intanto ricevete i miei più cordiali saluti dal vostro

                                                          figlio S. Paolo

Tanti saluti al Gines. Salvatore Silvestro Torroni Battista"

E aggiunge, di traverso e in caratteri grandi: Evviva l’America

In California c’è già il fratello Giuseppe, di due anni maggiore, partito dalla Verzasca nel 1913 con il cognato.
A Vogorno rimangono i genitori, Giulio Scettrini (1845), che morirà pochi giorni dopo, il 28 novembre 1915, la madre Angiolina nata Gamboni e la sorella Maria (la mia nonna materna), nata nel 1888. Un’altra sorella, Caterina, si è sposata pochi anni prima.
Che peccato non poter leggere la risposta da casa! Probabilmente reca la tristissima notizia della scomparsa del padre.



 





















Nessun commento:

Posta un commento