Scriveteci

We transcribed the population’s registers starting from year 1669 and we designed a huge genealogical tree of all families, with branches in the whole world.
Would you like to share your experience or simply find your roots? Do not hesitate to contact us. You won’t regret it!

La breve esistenza di questo blog ci ha già portato diverse soddisfazioni nel far relazionare fra di loro "corippians" che abitavano nella medesima città e nemmeno lo sapevano. Abbiamo trascritto i registri della popolazione dal 1669 in poi ed elaborato un gigantesco Albero Genealogico di queste famiglie con ramificazioni in tutto il Mondo.
Desiderate condividere la vostra esperienza o semplicemente trovare le vostre radici? Non esitate a contattarci, non ve ne pentirete.


A protezione della Privacy i dati sensibili
riguardanti persone viventi non sono da inserire in commenti o post.

venerdì 9 ottobre 2015

Dagli States in visita a Corippo


Angiolina deve aver avuto una vita piuttosto difficile. 
Ancora nubile e prima di emigrare ha dato alla luce una bambina. In California si è poi sposata con Giuseppe Bianchi originario di Gerra Verzasca, con il quale ha avuto altri due figli, Joseph morto subito dopo la nascita e Josephine.
Angiolina rimase vedova dopo appena quattro anni di matrimonio.
Nei pressi della stazione ferroviaria, Giuseppe stava aspettando alcune persone tranquillamente seduto sul sedile del suo carro tenendo in braccio la piccola Josephine di due anni. Ma a causa di un rumore improvviso il cavallo si imbizzarrì provocando il rovesciamento del carro sotto il quale Giuseppe perì tragicamente. Con prontezza intuendo la gravità del momento, riuscì però a mettere in salvo la piccola Josephine spingendola lateralmente tra le braccia di alcune persone che assistettero alla scena.
L’anno seguente Angiolina si risposò con Fedele Lafranchi originario di Coglio e residente anche lui in California. Con lui ebbe altri tre figli.
Angiolina e Giuseppe Bianchi




Fedele Lafranchi e Angiolina con Josephine Bianchi



Sono moltissimi i discendenti dei corippesi emigrati in tutto il mondo. Fra di loro ci sono anche sei americani residenti uno a Washington, uno in North Carolina, due in California e due nello Utah. Sono cugini fra di loro e discendono proprio da Angiolina Carolina Scilacci emigrata in California nel 1903 quando aveva 26 anni.
Joanne è una di loro ed era già stata a Corippo cinque anni fa con il marito e la madre ma non avevano trovato molte informazioni sulla loro antenata, ma proprio prima di ripartire avevano saputo che noi stavamo facendo una ricerca sui libri parrocchiali. In quell’occasione abbiamo avuto modo di incontrarci e scambiarci le informazioni essenziali per iniziare una ricerca mirata. Per tutto questo tempo ci siamo tenuti in contatto tramite e-mail. A dire il vero loro avevano già diversi dati, noi abbiamo riempito i vuoti e a quel punto potevano dire di avere quasi tutta la genealogia dei discendenti di Angiolina Carolina Scilacci, inoltre siamo stati in grado di identificare anche i nove fratelli di Angiolina con i relativi discendenti. Parte di loro risiedono in Ticino altri in California.
La decisione di ritornare a Corippo con cognizione di causa e con il nostro aiuto incontrare i “cugini” ticinesi non tardò a concretizzarsi e dopo quasi due anni di preparativi l’arrivo in Ticino domenica 27 settembre 2015 dopo aver fatto tappa a Ginevra a visitare altri cugini discendenti da una sorella di Angiolina.
Ospitale e disponibile la famiglia Scilacci a Ginevra nell’accoglierli in aeroporto dai rispettivi voli provenienti dagli States ed accompagnarli in albergo, nel condividere la visita della città i due giorni successivi fino all’accompagnamento a Lucerna per poi salutarli quando in partenza alla volta del Ticino.
 
Arrivo a Bellinzona via Lucerna

Il soggiorno nel Locarnese è durato appena una settimana, ma una settimana di forti emozioni. Un grazie particolare agli interpreti Silvana, Alessandro, Simona, Michele e Jasmine che si sono avvicendati in questa avventura.
Non sono mancati nemmeno i momenti di convivialità dove abbiamo gustato prelibatezze della regione.
Anche con noi, che in definitiva non abbiamo nessun legame di parentela, abbiamo unicamente permesso di ricostruire i collegamenti tra gli States e il Ticino, anche con noi dicevamo, si è ora instaurato un bel rapporto di amicizia.
Grandiosa la famiglia Artiglia di Coglio che ci ha accolto a tavola imbandita in quella che fu la casa dei loro antenati Carlo e Melania Artiglia-Lafranchi ed ora ristrutturata mantenendo comunque quella tipicità di casa valmaggese.
la casa dove vissero Carlo e Melania Artiglia-Lafranchi
Molto apprezzata la visita alle case della famiglia Bianchi a Gerra Verzasca dove Elio e Silvano ci hanno mostrato Formighera, un gioiello di nucleo con bellissimi rustici sapientemente ristrutturati.

Formighera a Gerra Verzasca

Davanti alle case Bianchi


altro angolino delizioso
Ma le forti emozioni si sentivano a Corippo nel ripercorrere “i strecc” in cerca della casa o delle case che diedero i natali ai nonni di quell’Angelina che accomuna i nostri ospiti.
Davanti alla casa che fu di Filomena e Cesare Pietro Scilacci a Corippo

Pausa di riflessione

Poi, occhi lucidi e sguardi intensi nel lasciarsi alle spalle questo magnifico ed unico luogo.
Buon rientro amici.
tutti sul treno

Arrivederci

1 commento: